Teatro Vittoria

via Lionello Maiani, 2B

59100 - Prato

info@vittoriateatro.it
dove siamo

La storia dei "Trovarobe"

La compagnia nasce a Prato nel 2006 da un gruppo di ragazzi che già frequentavano, da alcuni anni, laboratori di recitazione in alcuni teatri provinciali. Il rapporto con il teatro di Coiano diventa, così, l'occasione per trasformare il gruppo in compagnia.

 

Dalla messa in scena di spettacoli di fine laboratorio si passa a lavorare su testi d'autore. Il debutto sul palco di Coiano avviene nel 2006 con La cena di Natale (tratto da Tredici a tavola di Marc Gilbert Sauvajon).

 

Nella stagione 2007/2008 il gruppo lavora alla scrittura e messa in scena di un propro testo. Si arriva così all'allestimento di Falsi Fantasmi, una commedia brillante che analizza bugie e gelosie che arrivano all'apertura di un testamento...per una finta morte!

 

Nel 2009 la compagnia attinge all'autore francese Fracis Veber che ha riscosso molto successo sul grande schermo con La cena dei cretini. L'inatteso successo spinge il gruppo a riallestire lo spettacolo anche nella successiva stagione e lo fa stravolgendo totalmente tutti i personaggi e cambiando i ruoli a tutti gli attori. Questo lungo lavoro ottiene un successo imprevisto e riscuotere ancora più consensi della precedente versione.

 

Il 2010 è l'anno, per la compagnia, di sperimentare un genere ancora diverso. Viene scritto da Stefano Giacomelli, regista della compagnia, un testo ad hoc per il gruppo che vuole prendere la comicità italiana, unita ai ritmi frenetici ed incalzanti dell'humor americano. E' la volta di Casablanca Restaurant, commedia ambientata in un improbabile ristorante multietnico. E' un lavoro complesso per la realizzazione scenica e per le numerose entrate ed uscite da luoghi differenti che contribuisce a dare un ritmo ossessivo alla commedia.

 

Nello stesso anno viene registrata un'altra piacevole sorpresa. La compagnia, infatti, chiude la stagione presentando Pigri per passione, uno spettacolo ironico che trae spunto dagli scritti sull'ozio dell'autore britannico Tom Hodgkinson. Lo spettacolo è una novità per tutti i componenti del gruppo che hanno saputo mettersi a confronto e sperimentarsi con un nuovo modo di teatro, sicuramente distante dai canoni adottati fino ad ora.

 

Nel 2012 il teatro Vittoria festeggia i suoi primi dieci anni e, per l'occasione, la compagnia si unisce all'altro gruppo stabile "Quarta Parete" per mettere in scena una esilarante versione de La zona tranquilla, famosissima commedia in vernacolo fiorentino di Emilio Caglieri. Lo spettacolo partecipa poi ad una rassegna di vernacolo fiorentino promossa dal teatro delle Fontanelle e si aggiudica il primo premio come "Miglior commedia" e i premi per "Miglior attore protagonista" e una citazione per tutto il cast femminile. 

 

Nel 2013 arriva una nuova brillante commedia comica tratta dall'omonimo testo di Aldo Lo Castro; è la volta di Salotto per donne usate, un testo capace di mescolare più generi di fare teatro con un finale tutto a sorpresa che stravolge i toni e i ritmi e invita il pubblico ad una riflessione comune. Sempre nel 2013 la compagnia porta in scena L'Anatra all'arancia, di William Douglas e Marc Gilbert Sauvajon. Testo famosissimo a Londra e Parigi e reso celebre in Italia soprattutto grazie alla versione cinematografica di Ugo Tognazzi e Monica Vitti. La commedia è un capolavoro del teatro leggero. Un curioso intreccio amoroso che scorre via grazie ad un meccanismo scenico perfetto. 

 

Nel 2014 il gruppo lavora a uno dei testi comici più apprezzati dell'inglese Ray Cooney: Funny Money - Soldi da ridere, travolgente storia dai ritmi incalzanti e piena di equivoci e colpi di scena. 

 

Nella stagione 14-15 il gruppo mette in scena un testo molto particolare. L'autore è una garanzia: Neil Simon, ma il genere non è assolutamente quello che ha reso famoso il commediografo statunitense. Con Fools - Gli sciocchi del Villaggio la compagnia mette in scena una fiaba comica ricca di spunti di riflessione.

Nell'ottobre 2016 la compagnia si è rimessa in gioco con un testo tutto femminile: Lascio alle mie donne di Diego Fabbri.

 

Un anno dopo, nell'ottobre 2017, arriva un altro progetto: Incoscienti evasioni, una divertentissima commedia ricca di gag e colpi di scena.